Seconda edizione - 2010


Mario Botta Presidente della giuria,
Diébédo Francis Kéré
Vincitore del BSI Swiss Architectural
Award 2010

L’architetto Diébédo Francis Kéré (Burkina Faso/Germania) è il vincitore della seconda edizione del BSI Swiss Architectural Award. Il premio, che ammonta a 100.000 franchi, sarà consegnato al vincitore il 18 novembre all’Accademia di architettura di Mendrisio (Svizzera) nel corso di una cerimonia che ha segnato anche l’apertura dell’esposizione dei lavori presentati dai candidati.
Promosso da BSI Architectural Foundation, con il patrocinio dell’Ufficio Federale della Cultura a Berna e dell’Accademia di architettura di Mendrisio (Università della Svizzera Italiana), e organizzato dall’Archivio del Moderno dell’Accademia di architettura, il premio, a cadenza biennale, intende segnalare all’attenzione del pubblico giovani architetti di tutto il mondo, la cui opera contribuisce significativamente al dibattito e alla pratica architettonica contemporanee, dimostrando particolare sensibilità al contesto paesaggistico e ambientale.


Alfredo Gysi, Jean-Frédéric Jauslin
Luigi Pedrazzini, Felix R. Ehrat
Mario Botta, Diébédo Francis Kéré
Valentin Bearth, Nicola Navone

La prima edizione, che si è conclusa nell’autunno del 2008 con la vittoria dell’architetto paraguaiano Solano Benitez, non soltanto ha svelato al pubblico e alla stampa specializzata un talento eccezionale, sino a quel momento quasi del tutto sconosciuto al di fuori delle Americhe, ma ha pure offerto uno spaccato importante dell’architettura contemporanea, grazie all’altissima qualità dei candidati selezionati dal comitato di advisors costituito da architetti e critici di architettura di rinomanza internazionale.
Come ha rilevato Mario Botta, presidente della giuria, “Gli architetti selezionati per il BSI Swiss Architectural Award possono essere considerati fra gli operatori più significativi che sono oggi impegnati sulla scena internazionale. La loro sensibilità, maturata all’interno delle trasformazioni vissute negli ultimi tempi, e l’impegno professionale che li vede protagonisti nei loro paesi d’origine, evidenziano le diverse poetiche come reali speranze di fronte alle contraddizioni e agli smarrimenti che oggi serpeggiano nel dibattito disciplinare”.


Diébédo Francis Kéré

La seconda edizione ha voluto consolidare questa manifestazione nel panorama dei grandi premi di architettura internazionali.
La giuria ha proclamato all’unanimità l’architetto Diébédo Francis Kéré (Burkina Faso/Germania) vincitore del BSI Swiss Architectural Award, per “la singolare capacità di creare edifici che, pur profittando delle competenze tecniche apprese durante la formazione compiuta in Europa, sono saldamente radicati nella tradizione culturale e nel tessuto sociale del suo paese di origine, il Burkina Faso, e sono l'esito di un intenso coinvolgimento delle comunità locali”.
La cerimonia di premiazione ha avuto luogo il 18 novembre 2010 all’Accademia di architettura di Mendrisio (Università della Svizzera italiana), quando è stata pure inaugurata la mostra e presentato il volume monografico che documenta l’esito del premio.

 
 
È Junya Ishigami (Giappone) il vincitore della quinta edizione del BSI Swiss Architectural Award.
Catalogo